Seguici su Facebook

INGVTerremotiFacebook

Seguici su Twitter

twitter INGVterremoti1
Seguici su YouTube

youtube INGVterremoti 2
Magnitudo: M < 4.0 M < 4.0 4.0 ≤ M < 5.0 4.0 ≤ M < 5.0 M ≥ 5.0 M ≥ 5.0 Profonditá: profonditá
La mappa riporta i terremoti di magnitudo superiore o uguale a 2.0 localizzati in Italia dalla Rete Sismica Nazionale dell'INGV. Nei casi in cui un evento sismico sia stato risentito, esso viene comunque riportato nella lista. Informazioni sui terremoti di magnitudo inferiore a 2.0 possono essere estratte dal database ISIDe. Vengono inoltre riportati terremoti rilevanti in altre zone del mondo. I valori delle coordinate ipocentrali e della magnitudo rappresentano la migliore stima con i dati a disposizione al momento. Eventuali nuovi dati o analisi potrebbero far variare le stime attuali della localizzazione e della magnitudo.
blog INGVterremoti

Il terremoto del 251 d.C. a Santa Venera al Pozzo (Acireale) studiato con un approccio multidisciplinare

Febbraio 12, 2019
Secondo la ricostruzione proposta dalle fonti storiche, un anno dopo la morte di Sant’Agata (Santa Patrona della città di Catania), nel 252 d.C. si verificò una grande eruzione dell’Etna: il vulcano avrebbe eruttato ingenti quantità di lava, che arrivarono a minacciare direttamente la città di Catania. Soltanto un miracolo della Santa, il cui velo, secondo […]

Le donne dell’INGV per la Giornata Internazionale delle donne e delle ragazze nella Scienza

Febbraio 11, 2019
L’11 febbraio si celebra in tutto il mondo la Giornata Internazionale delle donne e delle ragazze nella scienza, nata nel 2015 sotto l’egida delle Nazioni Unite per riconoscere l’importante ruolo delle donne nella scienza come agenti del cambiamento e dell’innovazione nonostante siano ancora non equamente rappresentate (https://womeninscienceday.org). Vogliamo testimoniare la nostra presenza e la nostra […]

Analisi di dettaglio della sequenza sismica del Molise di agosto-settembre 2018

Febbraio 5, 2019
Come spesso accade, i ricercatori analizzano le sequenze utilizzando molti più dati di quelli disponibili nei momenti immediatamente successivi ad un terremoto ed anche con strumenti diversi per comprendere meglio le caratteristiche dei fenomeni avvenuti. In questo articolo viene descritto il lavoro di revisione delle localizzazioni ottenute con sistemi leggermente diversi da quelli usati nella […]